Laboratori di Didattica e Ricerca

Sezione Architettura e Territorio

AML (Architectural Maker Lab)

AML (Architectural Maker Lab) è un laboratorio di ricerca del DICAr (Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura) dell’Università degli Studi di Pavia che si occupa di progettazione architettonica e urbana e delle applicazioni della stampa 3D in architettura.
AML è attivo su diversi temi di ricerca tra cui la teoria e il progetto d’architettura, le trasformazioni urbane, il riuso dell’esistente, l’housing sociale; il teamwork è composto da ricercatori, dottorandi, assegnisti e professionisti.
AML si occupa anche di digital manufacturing e stampa 3D; l’obiettivo è la sperimentazione delle tecnologie digitali applicate al progetto di architettura, all’archeologia e al design, dalla scala urbana a quella del particolare architettonico.
AML svolge attività di ricerca interdisciplinare con altri dipartimenti delle discipline scientifiche e umanistiche dell’Università di Pavia, promuove attività di supporto alla didattica nel corso di laurea in Ingegneria Edile-Architettura e opera svolge attività di consulenza per progettisti per la realizzazione di modelli architettonici tridimensionali.
AML ha curato e partecipato a mostre in Italia e all’estero sul progetto contemporaneo, sulle città ideali del pensiero antico e sull’architettura contemporanea e moderna di Milano.

 

AUDe (Architecture and Urban Design)

 

China Lab

 

DAda Lab (Drawing and Architechture DocumentAtion)

Il Laboratorio Drawing and Architecture DocumentAtion (DAda – Lab.) opera per la ricerca, la formazione e il trasferimento di conoscenze nell’ambito del Disegno, della comunicazione e della rappresentazione per l’architettura. Le attività di ricerca previste riguardano: Applicazioni delle tecnologie della documentazione per la conservazione e la gestione del paesaggio urbano, parchi storici ed aree verdi, dell’ambiente urbano, dell’architettura storica e monumentale; Sviluppo di metodologie adeguate per indagini preliminari conoscitive al fine di offrire un’affidabile base metrica e documentaria al servizio della progettazione, del restauro, della pianificazione e tutela dello spazio urbano, paesaggistico e valutazioni in termini di impatto ambientale e diagnostica.

 

Lab. Geomatica

 

PLAY (Photography and 3D Laser for virtual Architecture LaboratorY)

PLAY – Photography and 3D Laser for virtual Architecture LaboratorY sviluppa soluzioni innovative per la produzione di immagini e la costruzione di architetture e ambienti virtuali. Alla ricerca si affianca la didattica nello sviluppo di seminari e attività rivolte alla formazione di studenti e professionisti nell’ambito delle tecnologie per la creazione e l’elaborazione dell’informazione multimediale, nella produzione di modelli 3D e nello sviluppo di sistemi interattivi per la rappresentazione dell’architettura.

 

STEP (Lab. Scienza e Tecnica per Edilizia e Progettazione)

 

LS3D (Landscape Survey & Design)

 

UPLab – Urban Planning Laboratory

Il laboratorio è diretto dal prof. Roberto De Lotto, SSD ICAR20 (Tecnica e pianificazione urbanistica). Nel laboratorio collaborano docenti, ricercatori, dottorandi, laureati in Ingegneria Edile/Architettura e ricercatori volontari. Inoltre il laboratorio si avvale della consulenza di professionisti esterni.
Il laboratorio si occupa di ricerca nei temi: città flessibile ed adattiava; città resiliente; Smart City; Città Universitaria; tecniche e metodi per la Valutazione Ambientale; recupero e rigenerazione urbana; progetto morfologico della città; città universitaria; studio ed analisi del territorio periurbano con elaborazioni GIS.
L’UPlab effettua attività conto terzi di consulenza scientifica nell’ambito della pianificazione e progettazione urbanistica alla scala comunale e sovracomunale e della Valutazione Ambientale.
Diverse sono le pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali e tesi scientifici. Il laboratorio ha collaborato e collabora con diverse strutture ed amministrazioni pubbliche e private.
Per contatti: uplab@unipv.it

 

Sezione Idraulica Ambiente ed Energetica
FTLab (Fisica tecnica)

Il laboratorio di Fisica Tecnica sviluppa le sue attività in diversi campi di pertinenza della disciplina che riguardano principalmente: (a) l’analisi degli ambienti confinati in relazione alle prestazioni energetiche del sistema edificio-impianto (trasmissione del calore, accumulo termico, apporti solari, soluzioni impiantistiche per il controllo dei parametri ambientali), alle problematiche acustiche (trasmissione del rumore) e illuminotecniche; (b) il controllo ambientale dell’ambiente esterno (inquinamento acustico) e interno (benessere ambientale, condizioni climatiche per conservazione di beni artistici e architettonici, qualità acustica delle sale); (c) le prestazioni degli impianti di climatizzazione (riscaldamento, raffrescamento e ventilazione). Le tematiche suddette sono affrontate mediante tecniche di simulazione numerica in regime stazionario e dinamico e misure sperimentali in situ.

 

LIIU (Idrologia ed Idraulica Urbana)

 

LabIDRA (Idraulica)

 

LabTA2 (Tecnologie Avanzate per l’Ambiente) – Sito in costruzione

 

Lab. TEC 2.0 (Processi e Tecnologie di Trattamento Acque e Rifiuti – Elisa Gazzola)

Il Laboratorio “Processi e Tecnologie di Trattamento Acque e Rifiuti – Elisa Gazzola”, situato nel Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura, nasce con lo scopo di supportare sia l’attività didattica sia l’attività scientifica del Gruppo di Ricerca “Processi e Impianti”. È stato inaugurato il 15 novembre 2010.

Il personale che collabora alle attività del laboratorio è costituito da:
Prof. Maria Cristina Collivignarelli [Ricercatore, Università degli Studi di Pavia] – Resp. del Laboratorio
Prof. Sabrina Sorlini [Professore Ordinario, Università degli Studi di Brescia]
Prof. Alessandro Abbà [Ricercatore TD, Università degli Studi di Brescia]
Dott. Marco Carnevale Miino [Dottorando di Ricerca, Università degli Studi di Pavia]
Dott. Francesca Maria Caccamo [Dottorando di Ricerca, Università degli Studi di Pavia]
Dott. Silvia Calatroni [Borsista di Ricerca, Università degli Studi di Pavia]
Dott. Stefano Argiolas [Borsista di Ricerca, Università degli Studi di Pavia]

Le tematiche affrontate sono:

  • Trattamenti avanzati di rifiuti liquidi
  • Recupero di rifiuti nel settore delle costruzioni
  • Trattamenti avanzati per le acque ad uso potabile
  • Effettuazione di verifiche di funzionalità per l’ottimizzazione di filiere per il trattamento di acque reflue urbane e industriali

 

Sezione Strutture e Materiali
Activ-Lab

L’Activ-Lab è dedicato a sviluppo e test di applicazioni SMA-attivate, ma è anche dedicato ad altri tipi di attivazione. Il laboratorio è dotato di un alimentatore Z + 20-10 da TDK-Lambda, un alimentatore EA-PS 3016-20 B da  EA Elektro-Automatik GmbH & Co., e di un 6½ digits multimeter, modello Agilent 34401A (Agilent Technologies).

 

β-lab

Il β-lab studia la fluidodinamica cardiovascolare dei modelli in vitro, con lo scopo di sostenere la pratica clinica della chirurgia vascolare e con lo scopo di validare i modelli di calcolo. Il laboratorio è dotato di un duplicatore di impulso capace di riprodurre la gittata cardiaca o la pressione / flusso in un distretto specifico del sistema vascolare, per test sperimentali di protesi come endoprotesi o stent.

 

Mate-Lab

Il Mate-Lab è un laboratorio dedicato ai test meccanici su una grande varietà di materiali come tessuti biologici, materiali bio-artificiali, leghe a memoria di forma.
Attrezzatura:
MTS Insight System 10 kN, avanzato sistema di test di trazione e compressione, in grado di caratterizzare con precisione la risposta meccanica dei materiali. Questo strumento riveste grande importanza all’interno di un filone di ricerca sullo sviluppo di materiali avanzati con specifiche proprietà meccaniche.

 

Nume-lab

 

Proto-Lab

Il Proto-Lab è dedicato alla prototipazione rapida tramite stampa 3D.
All’interno degli ambiti di ricerca del gruppo CompMech, questa tecnologia è usata principalmente nelle seguenti aree:
– modelli anatomici patient-specific per la pianificazione chirurgica.
– modelli di arterie rigide in silicone da utilizzare per la simulazione in vitro nell’ambito delle attività del beta-lab
– prototipi di dispositivi biomedici.
Attrezzatura:
– Objet 30Pro (Objet-Stratasys): stampante professionale ad altissima risoluzione, in grado di stampare 7 materiali differenti, tra cui un materiale trasparente, ad una risoluzione massima di 16 μm
– Leapfrog (Creatr): stampante basata su tecnologia FDM (Fused Deposition Modeling), caratterizzata da minore risoluzione di stampa, ma da grande versatilità in termini di materiali.

 

Laboratorio Prove Materiali e Strutture

 

3D4MED

 

3DMetal@UniPV